case antisismiche catania

Case antisismiche Catania: cosa sono, materiali, normativa e sismabonus

Ultimo aggiornamento: 4 Giugno 2024
Case antisismiche a Catania: materiali, tecniche e normative per costruzioni sicure. Scopri di più con Ferrini Impresa.

In questa guida approfondita firmata Ferrini Impresa parleremo case antisismiche Catania. In un territorio a rischio sismico come quello etneo, è fondamentale conoscere le migliori pratiche per garantire la sicurezza di chi ci abita. Esploreremo tutto ciò che c’è da sapere sulle case antisismiche, dalla scelta dei materiali alle tecniche di costruzione, fino alle normative vigenti.

Continua a leggere per approfondire le caratteristiche di una costruzione antisismica e come puoi migliorare la sicurezza del tuo immobile a Catania.

Case antisismiche Catania: cosa sono?

Le case antisismiche sono immobili progettati con particolari tecniche che garantiscono la sicurezza abitativa in zone ad rischio sismico, come Catania.

Ma cosa significa esattamente il termine “antisismico”? Si riferisce a strutture progettate e costruite per resistere alle scosse sismiche, minimizzando i danni e garantendo la massima sicurezza per gli abitanti. Una casa antisismica, dunque, deve possedere specifici requisiti tecnici e seguire le normative vigenti.

Oggi, per essere considerata tale, una casa antisismica a Catania deve rispettare 3 requisiti fondamentali:

Per essere considerata antisismica, una casa deve:

  1. Resistere a scosse forti e ripetute: deve sopportare terremoti di magnitudo 7 o superiore e resistere a scosse multiple in successione.
  2. Mantenere agibilità e abitabilità: deve rimanere sicura e abitabile anche dopo un evento sismico.
  3. Facilità di riparazione e lunga durata: in caso di danni, questi deve essere facilmente riparabile in tempi brevi.

Per costruire una casa antisismica a Catania, è essenziale seguire criteri specifici che includono metodi costruttivi avanzati, un’analisi geologica accurata e la scelta di materiali adeguati. Solo così sarà possibile garantire sicurezza, durabilità e un ambiente abitativo sicuro anche in caso di eventi sismici. Ma entriamo un po’ più nel dettaglio parlando dei migliori materiali per case antisismiche.

Costruzioni antisismiche: che materiali usare?

Nella costruzione di una casa antisismica, è fondamentale selezionare i materiali appropriati per garantire una maggiore resistenza alle scosse sismiche. In Sicilia, dove il rischio sismico è significativo, l’utilizzo di materiali adatti è essenziale, a partire dalla realizzazione delle fondamenta.

case antisismiche catania materiali

Ecco alcuni dei materiali più raccomandati e delle tecniche più usate per la realizzazione di case antisismiche a Catania:

  • Calcestruzzo armato: questo materiale combina calcestruzzo e barre d’acciaio, risultando essenziale per le fondamenta e le strutture portanti. Il calcestruzzo armato offre robustezza e resistenza alle deformazioni durante un terremoto, garantendo stabilità alla costruzione.
  • Muratura portante: realizzata con mattoni o blocchi di cemento armato, la muratura portante è utilizzata per le pareti dell’edificio. È cruciale che sia adeguatamente rinforzata per migliorare la resistenza sismica complessiva.
  • Acciaio: l’acciaio, in particolare l’acciaio zincato a caldo, è ampiamente utilizzato per le strutture portanti delle costruzioni antisismiche. Grazie alla sua duttilità e capacità di resistere al collasso, l’acciaio contribuisce notevolmente alla resistenza e sicurezza dell’edificio.
  • Polistirene Espanso Sinterizzato (EPS): questo materiale leggero è utilizzato per minimizzare le sollecitazioni sugli elementi strutturali e sulle fondamenta durante un terremoto. L’EPS può essere impiegato per solai e muri, contribuendo significativamente alla resistenza sismica dell’edificio.
  • Legno: nonostante non sia un materiale così durevole, il legno ha guadagnato popolarità in Italia, anche nelle zone sismiche, grazie alla sua notevole elasticità. Questa caratteristica gli permette di resistere bene alle scosse sismiche senza causare danni evidenti alla struttura.

Prima di continuare, è importante capire come funziona la normativa per le case antisismiche e come viene applicata.

La normativa per case antisismiche

La normativa sismica italiana ha una storia lunga e articolata, iniziata nel 1909 con l’emanazione del Regio Decreto 193. Da allora, il percorso normativo ha fatto grandi passi avanti, con l’approvazione della legge n. 64 del 2 febbraio 1974, che introdusse la prima classificazione sismica nazionale del territorio italiano.

Un passaggio cruciale si ebbe nel 2018 con l’approvazione di un nuovo decreto ministeriale che ha ulteriormente aggiornato le “Norme tecniche per le Costruzioni“. Questo decreto ha introdotto specifiche più precise e dettagliate su vari aspetti, tra cui le verifiche di resistenza strutturale, i materiali da utilizzare, le caratteristiche di duttilità e gli aspetti geometrici fondamentali per garantire la sicurezza degli edifici antisismici.

Casa antisismica: è obbligatoria e quali sono le zone sismiche?

case antisismiche catania normativa

L’obbligo di rispettare le norme antisismiche per la costruzione degli edifici in Italia risale al 1981, quando il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) classificò il territorio nazionale in tre categorie sismiche. Circa il 45% del paese divenne soggetto a queste normative. Successivamente, a seguito del terremoto in Puglia e Molise nel 2002, venne emanata l’Ordinanza PCM 3274/2003, che riclassificò l’intero territorio nazionale in quattro zone sismiche basate sulla frequenza e intensità degli eventi sismici.

Oggi le 4 zone sismiche in Italia sono:

  • Zona 1: Comuni ad alto rischio sismico
  • Zona 2: Comuni con rischio medio-alto
  • Zona 3: Comuni con rischio medio-basso
  • Zona 4: Comuni a basso rischio

🌋 Catania, come molte altre zone della Sicilia, si trova in una Zona 2 a rischio sismico. Costruire secondo le norme antisismiche non è solo un obbligo legale, ma una necessità per garantire edifici sicuri e capaci di resistere ad eventuali terremoti.

Case antisismiche a Catania: agevolazioni e Sisma Bonus

Parlando di case antisismiche, non possiamo non affrontare il tema del Sisma Bonus. Il Sisma Bonus è incentivo fiscale ideato per promuovere la sicurezza degli edifici attraverso interventi di adeguamento e miglioramento sismico, sia per le abitazioni che per le strutture commerciali. La misura è stata introdotta nel 2017.

Il Sismabonus offre detrazioni fiscali che variano dal 50% all’80%, a seconda del tipo di intervento e del miglioramento della classificazione sismica post ristrutturazione. Gli interventi possono includere spese per la classificazione e la verifica sismica degli immobili. Per il 2024, il tetto massimo delle spese detraibili per ciascuna unità immobiliare è fissato a 96mila euro, rendendo questa agevolazione particolarmente vantaggiosa per interventi significativi.

👷🏻‍♀️ Potrebbe interessanti anche ➡️ BONUS EDILIZI 2024: NEWS SULLE AGEVOLAZIONI PER RISTRUTTURAZIONI A CATANIA

Ristrutturazione Antisismica Catania

Quando si tratta di ristrutturare una casa a Catania, specialmente in un’area ad alto rischio sismico come quella etnea, una ristrutturazione antisismica ben pianificata ed eseguita solo da esperti del settore è fondamentale.

Affidarsi a ingegneri e architetti specializzati in ristrutturazioni antisismiche è la scelta migliore per garantire la sicurezza della tua casa. Per rendere un edificio antisismico, è necessario eseguire una serie di interventi mirati.

Per una consulenza approfondita e personalizzata sul tuo progetto di ristrutturazione a Catania, contatta Ferrini Impresa. Il nostro team esperto ti guiderà verso le migliori soluzioni per il tuo immobile.

🏠Affida a Ferrini Impresa il tuo progetto di ristrutturazione a Catania, ce ne prenderemo cura 💚

📲Ferrini Impresa

095 512205

Viale XX Settembre, 29, 95128 Catania CT

info@ferriniimpresa.it